Il sonno del campione

Forse anche a voi come a tanti è capitato di passare una strana notte insonne...vi coricate molto stanchi ma d'improvviso il sonno svanisce, il corpo si agita, il bagno diventa una meta frequente. Qualcuno potrebbe anche rimanere sveglio per una fastidiosa tossina ricorrente che non ha nulla a che fare con una latente influenza. 

Si pensa spesso ad un eccesso di stress o di nervoso senza guardare attentamente nel proprio piatto. Sì, perché spesso è proprio ciò che mangiamo durante il giorno (ma soprattutto la sera) a fare di noi dei veri e propri zombie.

Ecco quindi una piccola classifica di alimenti che si dovrebbero bandire dalle vostre tavole se volete preservare la quantità e la qualità del vostro sonno.

Caffeina e teina

Sembra banale, ma l'abitudine tutta italiana di chiudere un pasto (cena compresa) con un bel caffettino è molto diffusa, così come rilassarsi sul divano con una calda tazza di the ( verde, nero, light...). La caffeina è un alcaloide, un potente stimolante tra le sostante psicoattive è la più diffusa e consumata al mondo. Aumentando i livelli di adrenalina accelera l'attività cerebrale e quindi inibisce il sonno.

Via libera invece alle tisane digestive e rilassanti (attenti però alle erbe diuretiche che vi porterebbero in bagno ogni ora).

Salsa di pomodoro

L' associazione pasta-salsa di pomodoro (fa salire l'acquolina anche solo scriverla) crea non pochi problemi la sera, soprattutto se subito dopo cena ci corichiamo sul divano per un buon film. L'acidità dei pomodori può provocare bruciore ed è deleteria in chi già soffre di reflusso, dando spesso quella tossina nervosa notturna che riusciamo a controllare solo dormendo seduti o con un bel cuscino sotto la testa.

Alcol

Difficile resistere a una birra fresca o a un bicchiere di vino a cena. Basta saper accettare le conseguenze. L'alcol contenuto in queste bevande altera pesantemente il sonno assicurando tanti micro risvegli e riducendo le ore di sonno ristoratore a pochi minuti durante la notte.

Carne rossa

I cibi ricchi di grassi saturi che richiedono lunghi tempi di digestione mal si combinano con l'idea di un sonno profondo e di qualità. Meglio preferire proteine vegetali o carni bianche magre più rapide da digerire.

Fritto e cibi eccessivamente conditi

La frittura, per quando l'olio sia di qualità e la pastella "leggera", è un tipo di cottura che rende i cibi tanto gustosi quando più lenti da digerire. In più se intingiamo il cibo in salse piccanti o salate possiamo solo che aumentare il bruciore di stomaco e le capatine in bagno durante la notte.

Gelato

Qui tocchiamo un tasto dolente!

Purtroppo zuccheri e grassi saturi proprio a braccetto non vanno. Ed è inutile dirsi che il cioccolato concilia il sonno. Purtroppo questo dessert dopo cena è altamente sconsigliato a chi ha bisogno di farsi un bel riposo notturno.

 

Ultimo suggerimento: non c'è dieta che tenga però se le cene sono impostate ad orari assurdi! Regolate quindi gli orologi e godetevi cene leggere e golose qualche ora prima di spiaggiarvi su divani e letto! 

Buona cena a tutti !

 

 

Studio Tiozzi Ferroni

via Luigi Negrelli 21 - Cesenatico

Tel: 0547675156

info@tiozziferroni.com

P.IVA 03801900402

Privacy Policy